Law 979 of 31 December 1982


LAW 979 OF DECEMBER 31, 1982
Published in the G. U. n. 16, S.O. of January 18, 1983
(Provision for the defense of the sea)

TITLE I.
Programmatic rules

Art. 1 - General plan for the defense of the sea.

The Minister of Merchant Marine implements the policy aimed at the protection of the marine environment and the prevention of harmful effects on the resources of the sea, providing information, in agreement with the Regions, of the general plan for the defense of the sea and the marine coasts from pollution and protection. of the marine environment, valid for the whole national territory, taking into account state and regional programs also in related matters, community addresses and international commitments.
This plan, lasting no less than five years, is approved by the CIPE.
With the same procedure any modifications and variations that may be necessary in relation to the orographic, urban, economic and ecological evolution of the coasts are adopted.
The coasts plan directs, promotes and coordinates interventions and activities in defense of the sea and coasts from pollution and protection of the marine environment, according to planning criteria and with particular emphasis on the prediction of potentially dangerous events and the interventions necessary to delimit them the effects to counter them once they are determined.
For the purposes of drawing up the plan, the Minister of Merchant Marine communicates the plan proposals relating to the respective territory to the individual Regions. Within 60 days of the communication, the Minister of Merchant Marine hears the Interregional Consultative Commission referred to in Article 13 of Law no. 281, in order to define and coordinate the observations and proposals of the Regions themselves that will contribute to the formation of the plan.
In any case, within the following 30 days, the Regions must express their motivated warning on the proposals made by the Minister of Merchant Marine. If the Regions do not provide within the aforementioned term, the Minister of Merchant Marine proceeds autonomously.
The Minister of Merchant Marine also regulates the exercise of maritime and economic activities in the territorial sea and in the external marine areas subject to national jurisdiction, having consulted the Council for the defense of the sea against pollution established by decree of the President of the Council of Ministers of 4 October 1979 ( 2).

TITLE II
Surveillance at sea

Art. 2 - Implementation of the plan. Surveillance and rescue at sea.

To carry out the tasks referred to in Article 1, as well as to ensure surveillance and rescue at sea, the Minister of Merchant Marine shall:
to) the establishment of a marine environmental protection service, as well as coastal surveillance and intervention for the prevention and control of sea pollution;
b) the strengthening of the surveillance and sea rescue service carried out by the Port Authority Corps;
c) the establishment, in agreement with the Minister of Defense, of a surveillance service on maritime and economic activities, including fishing, subject to national jurisdiction in the areas located beyond the external boundary of the territorial sea (3); in case of need, this service can integrate the one referred to in letter b) above.
The marine environmental protection service, surveillance and rescue at sea, referred to in letters a) and b), operates in accordance with and with the contribution of the services existing on the territory.

Art. 3 - Marine environment quality observation network

For the purposes referred to in letter a) of article 2, the Minister of Merchant Marine will organize a network for observing the quality of the marine environment and an appropriate surveillance system on the activities taking place along the coasts, also for the performance of the services referred to in letter b) of article 2, constantly connected with operational centers, which will operate within maritime compartments, to be located in the areas most affected by maritime traffic and with a national-level center for general coordination and data collection.
For the establishment and operation of the marine environment quality observation network, the Ministry of Merchant Marine also makes use of the structures and staff of the Central Institute for Scientific and Technological Research applied to sea fishing pursuant to art. 8, L. February 17, 1982, n. 41.
The observation network carries out periodic checks of the marine environment with detection of oceanographic, chemical, biological, microbiological and commodity data and anything else necessary for the fight against pollution of any kind and for the management of the coastal strips as well as for the protection, even from ecological point of view of marine resources.
For the surveillance system on the activities taking place along the coasts, operational centers are set up in the following areas:
1) Mari Ligure and Alto Tirreno;
2) Middle and Lower Tyrrhenian;
3) Waters of Sardinia;
4) Waters of Sicily;
5) Ionian and Lower Adriatic;
6) Upper and Middle Adriatic.
The location of the maritime compartments in which the operational centers are located is arranged by decree of the Minister of Merchant Marine (4).
The operational centers collect and process all the data coming from the National Coordination Center and from the offices, bodies and administrations of the area of ​​competence relating to the activities taking place at sea and transmit the data collected to the National Coordination Center referred to in the following paragraph, as well as to the offices, bodies and administration of the area of ​​competence, for the purposes of operational interventions.
The National Center for general coordination and data collection is established at the Central Inspectorate for the defense of the sea, referred to in article 34 below.
It collects, processes and coordinates the data transmitted from the peripheral operating centers or from other administrations and makes them available to the competent offices for the purpose of operational interventions.
All data are made public by the same Inspectorate with a specific bulletin.
By decree of the Minister of Merchant Marine, the necessary provisions are adopted to equip the National Coordination Center and the peripheral centers with the equipment suitable for the tasks and services set out in this law, as well as for the functioning of the centers themselves and the observation network of the quality of the marine environment. .
For the expenses of organization and operation of the services referred to in this article, the total expenditure of Lire 25 billion is authorized for the period 1982 1985 to be entered in the estimate of the expenditure of the Ministry of Merchant Marine according to quotas that will be determined in the financial law referred to article 11 of the law of 5 August 1978, n. 468.
The share relating to the year 1982 is determined in 1,500 million lire.

Art. 4

For the pollution prevention and control interventions referred to in letter a) of the previous article 2, the construction or purchase or rental (5) or in any case the use, also through a specific agreement, of vessels with characteristics of particular handling and speed of aircraft as well as means of transport and towing.
The ships, aircraft and vehicles mentioned above must be structured and equipped for emergency operations, for the collection and neutralization of polluting substances, for the protection, in case of need, of human life at sea, as well as for any other technically necessary operation. possible in an emergency.
Pending the construction or purchase of the ships indicated in the previous paragraph, or in cases of proven emergency or indispensability, the necessary units can be hired temporarily.
[For the construction, purchase or rental of the units referred to in the first paragraph, with the relative endowments and equipment, the total cost of Lire 40,000 million is authorized for the period 1982 1985 to be entered in the estimate of the expenditure of the Ministry of Merchant Marine according to quotas that will be determined in the financial law referred to in article 11 of law no. 468. The portion relating to the year 1982 is determined in lire 14,000 million.] (6)
For the treatment of sludge and ballast water and tanker washing, prescribed by the IMCO Convention stipulated in London in 1973, notwithstanding the provisions of the law of 8 April 1976, n. 203, the Minister of Merchant Navy can stipulate conventions, lasting no more than 10 years, with subjects who manage specially built and equipped vessels for the collection and treatment of said materials, as well as for the purposes referred to in the second paragraph and which obligation to make such ships immediately available to the maritime authority for the pollution prevention and control measures referred to in letter a) of article 2.
In this case, upon signing the agreement, a contribution not exceeding 15 per cent of the cost of building the ship, including the appliances and equipment, is granted.
In case of non-compliance with the obligations assumed in the agreement, the Minister of Mercantile Marine declares the forfeiture of the grant granted, with consequent obligation for the interested party to return the share of the contribution corresponding to the residual period of the agreement, increased by the interest equal to the rate of discount in force on the date of the forfeiture measure, increased by two points.
In any case, the obligation to return the entire contribution plus interest, calculated in the manner referred to in the previous paragraph, remains unaffected if the forfeiture is declared before five years have elapsed from the date of granting the contribution.
The relative burden is charged to chapter 8051 of the expenditure estimate of the Ministry of Merchant Marine for the year 1982 (7).

Art. 5

The strengthening of the surveillance and rescue service at sea referred to in letter b) of article 2 will be provided through the construction or purchase of naval units to be registered in the military naval frameworks, suitable for use also in offshore navigation and in conditions adverse weather conditions, high-speed vehicles such as hydrofoils or other suitable means, as well as aircraft to be registered in the state military aircraft register.
For the acquisition of the aforementioned naval units, as well as the aforementioned vehicles and aircraft, with the necessary equipment and equipment, the total expenditure of Lire 60,000 million is authorized for the period 1982-1985, to be entered in the estimate of the expenditure of the Ministry of Merchant Marine according to quotas that will be determined in the financial law referred to in article 11 of law no. 468.
The share relating to the year 1982 is determined in 6,000 million lire.

Art. 6

The establishment of the surveillance service referred to in letter c) of article 2 will be carried out through the construction or purchase of naval units and aircraft, to be registered respectively in the naval frameworks and in the register of military aircraft of the State, having characteristics and technical requirements. such as to make the aforementioned vehicles suitable, in their coordinated configuration, to carry out prolonged offshore operations and to ensure the necessary promptness of interventions or the ability to patrol sea portions in a short time.
Naval units and aircraft must also be designed and equipped for rescue in offshore areas and for anti-pollution operations.
The technical and operational characteristics of the vehicles to be acquired will be determined by decree of the Minister of Merchant Marine, in agreement with the Minister of Defense.
The decree will be issued within two months from the date of entry into force of this law.
For the acquisition of the aforementioned means, with the relative endowments and equipment, the total expenditure of Lire 120,000 million is authorized for the period 1982-1985 to be entered in the estimate of the expenditure of the Ministry of the Merchant Navy according to quotas that will be determined in the financial law. referred to in article 11 of law no. 468.
The share relating to the year 1982 is determined in 8,000 million lire.

Art. 7

For the purpose of acquiring the means referred to in Articles 4, 5 and 6, the Minister of the Merchant Navy may avail himself of the advice of the Directorate General for Naval Construction, Arms and Armaments of the Ministry of Defense.
By decree of the Minister of Merchant Marine, in agreement with the Minister of Defense, the drafting of the contractual technical specifications and technical assistance during the construction of the above mentioned means can be entrusted to the same Directorate General.
The appropriations provided for in articles 4, 5 and 6 are adjusted annually in the financial law referred to in article 11 of law no. 468.

Art. 8

Projects and contracts, as well as concession deeds and agreements for the execution of works, provisions and supplies relating to the implementation of articles 3, 4, 5 and 6 and up to the total amount of 500 million lire, whatever the method with which the award was made, are approved by the competent administration without the obligation of the preventive opinions required by the regulations in force.
For the business referred to in the previous paragraph for an amount exceeding Lire 500 million, the assent of a Committee chaired by the Minister of Merchant Marine or by an undersecretary delegated by him and composed of:
1) the President of the Superior Council of the marinamercantile;
2) the President of the Superior Council of the Armed Forces, marine section;
3) a state advocate designated by the state advocate general;
4) the general manager of the maritime domain and ports of the Ministry of the Merchant Marine;
5) the general director of the shipping of the Ministry of merchant marine;
6) the general director of navigation and maritime traffic of the Ministry of Merchant Marine;
7) the Director General of Sea Fisheries of the Minister of Merchant Marine;
8) the Director General of Construction, Weapons and Naval Armament of the Ministry of Defense;
9) the general director of industrial production of the Ministry of Industry, Commerce and Crafts, or his delegate;
10) the head of the General Inspectorate of the Harbor Offices;
11) the head of the Technical Inspectorate of the Ministry of Merchant Marine;
12) an official of the Ministry of the Treasury with a qualification not inferior to general manager.
The director of the civil protection department or his delegate also participates in the work of the Committee.
The functions of secretary of the Committee are carried out by an official designated by the Minister of the Merchant Marine assisted by two employees of the same Ministry.
The members of the Committee and of the secretariat are appointed by decree of the Minister of Merchant Marine.

Art. 9

The surveillance service, referred to in letter c) of article 2, is entrusted to the Navy, which will provide for the equipment and the conduct of the vehicles.
The service will be carried out on the basis of the directives that will be issued in agreement between the Minister of Merchant Marine and the Minister of Defense, having heard, where necessary, the other administrations concerned.
The management and maintenance costs of the vehicles intended for the surveillance service referred to in the first paragraph, resulting from the implementation of the construction and purchase program of the vehicles referred to in Article 6, will be borne by the Ministry of Defense.
The commanders of the surveillance units referred to in this article are recognized as being judicial police officers pursuant to article 221, last paragraph, of the Code of Criminal Procedure.

TITLE III
Emergency intervention for the defense of the sea and coastal areas from pollution caused by accidents

Art. 10- Emergency intervention against fire pollution

The Ministry of Merchant Marine provides, within the framework of the national civil protection service, in agreement with the other civil and military administrations of the State, through the collaboration of the territorial public bodies, to the organization of the emergency intervention for the defense of the sea and coastal areas. from pollution caused by accidents.

Art. 11

In the event of pollution or imminent danger of sea water pollution caused by the introduction, even accidental, of hydrocarbons or other harmful substances, coming from any source or likely to cause damage to the marine environment, the coast and related interests, the Authority maritime, in whose area of ​​competence there is pollution or the threat of pollution, is required to arrange all the necessary measures, not excluding those for the removal of the load of the vessel, in order to prevent or eliminate the polluting effects, or to mitigate them if it is technically impossible. delete them.
If the danger of pollution or the pollution in progress is such as to determine an emergency situation, the head of the maritime compartment responsible for the territory declares the local emergency, immediately notifying the Minister of the Merchant Marine, and assumes the direction of all operations based on of the operational plan of local emergency, without prejudice to the powers of each administration in the execution of the tasks of the institute, adopted by him in agreement with the bodies of the national civil protection service.
The Minister of Merchant Marine immediately communicates the local emergency declaration to the national civil protection service through the Central Inspectorate for the defense of the sea referred to in article 34 below.
When the emergency cannot be faced with the means available to the Ministry of the Merchant Marine, the Minister of Merchant Marine asks the Minister of Civil Protection to promote the declaration of national emergency. In this case, the Minister of Civil Protection takes over the direction of all operations on the basis of the national emergency plan adopted by the bodies of the national service for civil protection.
The rules contained in the decree of the President of the Republic of 27 May 1978, n. 504, for intervention on the high seas in the event of accidents and damage to foreign-flagged ships that may cause pollution or danger of pollution to the marine environment or to the coast.

Art. 12

The master, the shipowner or the owner of a ship or the person in charge of a vessel or plant located on the continental shelf or on the mainland, in the event of damage or accidents to the same, likely to cause, through the spill of hydrocarbons or other substances noxious or polluting, damage to the marine environment, the coast or to related interests, are required to inform without delay the maritime authority closest to the place of the accident and to take every measure that is at the moment possible to avoid further damage and eliminate the harmful effects already produced .
The maritime authority addresses to the subjects indicated in the preceding paragraph an immediate warning to take all the measures deemed necessary to prevent the danger of pollution and to eliminate the effects already produced.
In the event that this warning remains ineffective, or does not produce the desired effects in an assigned period of time, the maritime authority will have the measures deemed necessary carried out on behalf of the shipowner or owner, then recovering the expenses incurred from the same.
In cases of urgency, the maritime authority will carry out the necessary measures on behalf of the shipowner or owner, then recover the costs, regardless of the preventive warning to provide.

Art. 13

For contracts concerning urgent interventions, the Minister of Merchant Marine, having consulted the Committee referred to in Article 3 of the Decree of the President of the Republic May 27 1978, n. 504, and, with reference to the objectives of the national emergency plan, the Minister of Civil Protection can arrange private negotiations, without the obligation to obtain the prior opinion of the Council of State on the draft contracts.
The execution of contracts, stipulated pursuant to the preceding paragraph, can also be carried out before the approval and registration of the relative approval decrees by the Court of Auditors.
With the procedure referred to in the preceding paragraphs, the heads of the compartments for local emergency cases, subject to the authorization of the Minister of Merchant Marine, after consulting the Committee referred to in the first paragraph.
If, for reasons of urgency, the need arises to ensure the immediate availability of ready-to-use material and it has not been possible to stipulate the related contracts, the Minister of Merchant Marine, for the payment of the sums to the entitlement, will provide with deeds of recognition of debt.

Art. 14

The expenses necessary for the adoption of the measures referred to in Article 11 as well as for the reimbursement to the other administrations of the expenses incurred for the interventions to be requested, shall be borne by a specific chapter of the estimate of the expenses of the Ministry of Merchant Marine, having nature of compulsory expenditure.
The sums recovered from private individuals for the expenses incurred for the interventions referred to in article 12, will be paid into the state budget.

Art. 15

This title relates to the release into the sea of ​​substances harmful to the marine environment from ships: it does not concern the unloading of waste at sea carried out by ships governed by article 14 of the law of 24 December 1979, n. 650.

Art. 16

In the context of territorial waters and inland sea waters, including ports, it is forbidden for all ships, without any discrimination of nationality, to pour into the sea, or to cause them to spill, hydrocarbons or mixtures of hydrocarbons, as well as other harmful substances the marine environment indicated in list A annexed to this law.
Likewise, ships flying the Italian flag are prohibited from discharging the substances referred to in the previous paragraph even outside the territorial waters.
With regard to the discharge into sea waters of materials from marine, brackish or river bottoms or from emerged coastal lands, including the restoration of the access pass to ports, the provisions of article 14 of the law of 24 December 1979 remain valid, n. 650, and the directives of the Interministerial Committee for the protection of waters from pollution referred to in article 3 of the law 10 May 1976, n. 319.
The list referred to in the first paragraph must be updated every two years or whenever the need arises, by decree of the Minister of Merchant Marine, after consulting the competent parliamentary committees (8).

Art. 17

Beyond the external limit of the Italian territorial sea, if Italian ships, infringement of the rules on the protection of marine waters from pollution established in this law and in the international conventions in force, of which Italy is a contracting party, pour hydrocarbons into the sea , mixtures of hydrocarbons or other prohibited substances, the penalties referred to in the following articles of this title are applicable.
The master of the ship who violates the provisions of article 19 is punished with arrest for up to six months or with a fine of up to 10 million.

Art. 18 (9)

Art. 19

Italian ships, to which the legislation referred to in Article 17 applies, must have, among the books referred to in Article 169 of the Navigation Code, the hydrocarbon register on which the required records must be made.
In all cases of spillage or loss of hydrocarbons, the master of the ship is required to make a note of it in the hydrocarbon register, indicating the circumstances and causes of such spill or loss, as well as to report it to the master of the nearest port.
Each page of the hydrocarbon register must be signed by the office or officers responsible for the relevant operations and, if the ship is armed, by the captain.
For the keeping of the hydrocarbon register, the provisions of articles 362 et seq. Of the regulation for the execution of the maritime navigation code concerning the log books are applied.

Art. 20

The commander of a ship flying the Italian flag who violates the provisions of article 16 or the international legislation referred to in article 17, as well as the owner or shipowner of the ship, in the event that the violation occurred with their concurrence, are punished with arrest from two months to two years or with a fine of between 500,000 and 10 million lire; if the fact occurred through fault, the aforementioned penalties are reduced by half.
The master of a ship flying a foreign flag who violates the provisions of article 16 is subject to the same penalty.
For the offenses provided for in the first and second paragraphs of this article, the issuance of the arrest warrant is permitted in case of specific recidivism.
For the Italian commander of the ship, the conviction for the crime referred to in the preceding first paragraph entails the suspension of the professional title, the duration of which will be determined pursuant to article 1083 of the navigation code.
Captains of ships of non-Italian nationality who have undergone convictions in relation to the aforementioned crime will be prevented from docking at Italian ports for a variable period, to be determined by decree of the Minister of the Merchant Navy, commensurate with the seriousness of the crime committed and the sentence imposed.

Art. 21

In relation to the damage caused by violation of the provisions of this title, without prejudice to the provisions of article 185 of the penal code, the master and the owner or owner of the ship are jointly and severally obliged to reimburse the State the expenses incurred for the cleaning of the waters and of the beaches, as well as to compensate the damage caused to marine resources.
This joint obligation also exists in cases in which it has been necessary to unload prohibited substances at sea, for the safety of one's own or other ship, or the introduction of prohibited substances into sea waters has been caused by damage or loss. unavoidable and every reasonable precaution has been adopted after the damage or the discovery of the loss to prevent or reduce the payment of the substances in the sea.

Art. 22

For the offenses envisaged by this law, the State, in the person of the Minister of the Merchant Navy, can become a civil party in the related criminal proceedings.

Art. 23

Surveillance for the prevention of pollution of marine waters by hydrocarbons and other harmful substances in the marine environment and the ascertainment of infringements of the relative regulations are entrusted, under the direction of the commanders of the ports, to the officers and agents of the judicial police referred to in Article 221. of the Code of Criminal Procedure and Article 1235 of the Navigation Code, as well as civilian personnel of the administration of the merchant navy, officers, non-commissioned officers and sub-chiefs of the military navy.

Art. 24

Letter e) of article 15 of law no. 963, is repealed.

Art. 25 - Characteristics of marine reserves

Marine natural reserves are made up of marine environments, given by the waters, from the seabed from the facing stretches of coast that are of significant interest for the natural, geomorphological, physical, biochemical characteristics with particular regard to the marine and coastal flora and fauna and for the scientific importance. , ecological, cultural, educational and economic they cover.

Art. 26 - Establishment of Marine Reserves

On the basis of the indications contained in the plan referred to in Article 1 and in accordance with the guidelines of the national environmental protection policy, the marine reserves are established by decree of the Minister of Merchant Marine with the assent of the National Council for the protection of the natural environment protection section of the environment for the defense of the sea from pollution, after consulting the Regions and Communities territorially concerned.
For the purposes of the Proposal referred to in the previous paragraph, the Council for the defense of the sea from pollution, after identifying the marine areas for which it appears appropriate to be subjected to protection, ascertains:
to) the natural situation of the places and the surface to be protected;
b) the scientific, ecological, cultural, educational, mining and economic purposes with which the protection of the area must be coordinated;
c) any study and research programs, as well as the enhancement of the area;
d) the repercussions of protection in relations with maritime navigation and the activities of economic exploitation of the sea and maritime state property;
is) the effects that are expected to derive from the establishment of the marine reserve on the natural marine and coastal environment, as well as on the economic and social structure of the territory and of the populations concerned;
f) the plan of constraints and protection and enhancement measures deemed necessary for the implementation of the purposes of the marine reserve.
The Council for the defense of the sea from pollution can make use of scientific institutes, laboratories and research bodies for the purposes of the assessment. In any case, the opinion of the Central Institute for scientific and technological research applied to sea fishing is required as per article 8 of law no. 41.
For the purposes of exercising the competences referred to in this title, the Council for the defense of the sea from pollution is integrated by three representatives of the most representative naturalistic associations in the sector of the protection of the marine environment, by three experts in the same subject, as well as by two members of the Board of Directors of the Institute referred to in the previous paragraph, designated by the Council

Art. 27 - Regulation of activities in marine reserves.

In marine nature reserves, each activity can be regulated through the provision of prohibitions and limitations or subject to particular authorizations according to the purposes for which the reserve was established. In particular, the following may be prohibited or limited:
to) l'asportazione anche parziale e il danneggiamento delleformazioni minerali;
b) la navigazione, l'accesso e la sosta, con navi e natanti diqualsiasi genere e tipo, nonché la balneazione;
c) la pesca sia professionale che sportiva con qualunque mezzoesercitata;
d) la caccia, la cattura, la raccolta, il danneggiamento e ingenere qualunque attività che possa costituire pericolo o turbamento delle specie animalio vegetali, ivi compresa la immissione di specie estranee;
e) l'alterazione con qualsiasi mezzo, diretta o indiretta,dell'ambiente geofisico e delle caratteristiche biochimiche dell'acqua, nonché ladiscarica di rifiuti solidi o liquidi e in genere l'immissione di qualsiasi sostanza chepossa modificare, anche transitoriamente, le caratteristiche dell'ambiente marino;
f) l'introduzione di armi, esplosivi e di qualsiasi mezzodistruttivo o di cattura, nonché di sostanze tossiche o inquinanti;
g) le attività che possono comunque arrecare danno, intralcioo turbativa alla realizzazione dei programmi di studio e di ricerca scientifica daattuarsi sull'area.
Il decreto di istituzione della riserva marina prevede:
a) la determinazione delle aree marittime e di demaniomarittimo costituenti la superficie della riserva;
b) le finalità di carattere scientifico, culturale, economicoed educativo per la cui realizzazione è istituita l'area protetta;
c) i programmi di studio e di ricerca scientifica, nonché divalorizzazione da attuarsi nell'ambito della riserva;
d) la regolamentazione della riserva con la specificazionedelle attività oggetto di divieto o di particolari limitazioni o autorizzazioni.
Nell'ambito territoriale della riserva marina possono essere disposti dal Ministro dellamarina mercantile programmi di intervento per il ripopolamento ittico, o per lasalvaguardia ecologica.
Qualora la riserva marina confini con il territorio di un parco nazionale o di una riservanaturale dello Stato, il decreto di costituzione, adottato di concerto con il Ministrodell'agricoltura e delle foreste, regola il coordinamento fra la gestione della riservamarina e quella del parco nazionale o della riserva naturale dello Stato.
Ove la fascia costiera demaniale costituisca parte integrante dell'eco sistema terrestre enon vi siano prevalenti ragioni di tutela dell'ambiente marino rispetto ai fini connessialla tutela territoriale, la gestione della fascia costiera demaniale è affidata all'entedi gestione del parco o della riserva naturale che, per le relative attività divigilanza, si avvale delle Capitanerie di porto.
In tale ipotesi il decreto dispone a favore dell'ente delegato la concessione dell'areademaniale e costiera e il relativo canone viene ad avere carattere ricognitorio.

Art. 28 - Commissione di riserva marina

Inattuazione dei principi di cui agli articoli 1 e 26 il Ministro della marina mercantilepromuove e coordina tutte le attività di protezione, tutela, ricerca e valorizzazione delmare e delle sue risorse ed assicura il raggiungimento delle finalità istitutive diciascuna riserva attraverso l'Ispettorato centrale per la difesa del mare, di cuiall'articolo 34.
Per la vigilanza e l'eventuale gestione delle riserve marine, l'Ispettorato centrale siavvale delle competenti Capitanerie di porto.
Presso ogni Capitaneria competente è istituita una Commissione di riserva, nominata condecreto del Ministro della marina mercantile e così composta:
a) il comandante di porto che la presiede;
b) due rappresentanti dei Comuni rivieraschi designati daiComuni medesimi;
c) un rappresentante delle Regioni territorialmenteinteressate;
d) un rappresentante delle categorie economico produttiveinteressate designato dalla Camera di commercio per ciascuna delle Province nei cuiconfini è stata istituita la riserva;
e) due esperti designati dal Ministro della marina mercantilein relazione alle particolari finalità per cui è stata istituita la riserva;
f) un rappresentante delle associazioni naturalistichemaggiormente rappresentative scelto dal Ministro della marina mercantile fra una terna dinomi designati dalle associazioni medesime;
g) un rappresentante del provveditorato agli studi;
h) un rappresentante dell'amministrazione per i beni culturalie ambientali;
i) un rappresentante del Ministero dell'ambiente (10).
Con apposita convenzione da stipularsi da parte del Ministro dell'ambiente, di concertocon il Ministro della marina mercantile, la gestione della riserva può essere concessa adenti pubblici, istituzioni scientifiche, associazioni riconosciute (11).
La Commissione affianca la Capitaneria e l'ente delegato nella gestione della riserva,formulando proposte e suggerimenti per tutto quanto attiene al funzionamento della riservamedesima.
In particolare la Commissione dà il proprio parere alla proposta del regolamento diesecuzione del decreto istitutivo e di organizzazione della riserva, ivi comprese leprevisioni relative alle spese di gestione, formulata dalla Capitaneria o dall'entedelegato.
Il regolamento è approvato con decreto del Ministro dell'ambiente, di concerto con ilMinistro della marina mercantile, sentita la Consulta per la difesa del mare dagliinquinamenti (12).

Art. 29 - Sezione Consiglio Nazionaleprotezione ambiente marino

Pressoil Ministero della marina mercantile è istituita la sezione del Consiglio nazionale perla protezione dell'ambiente avente specifica competenza per tutte le questioni relativealla tutela e alla protezione dell'ambiente marino.
La sezione è composta da 13 membri scelti fra persone di particolare qualificazione ecompetenza nella materia della tutela e protezione dell'ambiente marino, di cui:
a) cinque in rappresentanza dei Ministeri della marinamercantile, dei beni culturali ed ambientali, dell'agricoltura e foreste, del turismo espettacolo, della ricerca scientifica, designati dai rispettivi Ministri;
b) due in rappresentanza delle Regioni designati dallaCommissione di cui all'articolo 13 della legge 16 maggio 1970, n. 281;
c) due in rappresentanza dei Comuni rivieraschi, scelti dalPresidente del Consiglio su rose di nomi formate dalle associazioni di enti localimaggiormente rappresentative in campo nazionale;
d) due in rappresentanza degli enti ed organizzazioni operantinel campo della difesa della natura e dell'ambiente maggiormente rappresentativi in camponazionale, scelti dal Presidente del Consiglio su rose di nomi formate dagli enti e dalleassociazioni medesime;
e) due docenti di discipline attinenti alla tuteladell'ambiente marino scelti dal Presidente del Consiglio.
In caso di mancata designazione di membri entro un mese dalla richiesta, il Consiglionazionale è convocato e delibera con i membri già designati, purché‚ di numero noninferiore alla metà più uno dei propri componenti.
La sezione è nominata con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta delPresidente del Consiglio, e dura in carica cinque anni.
I membri nominati nel corso del quinquennio in sostituzione di altri durano in carica finoalla scadenza del mandato dei sostituiti. La sezione è presieduta dal Ministro dellamarina mercantile o da un suo delegato (13).

Art. 30 - Sanzioni

Perla violazione dei divieti o dei vincoli contenuti nel decreto di costituzione dellariserva si applica, salvo che il fatto costituisca reato, la sanzione amministrativa dalire 200.000 a lire 5 milioni.
La Capitaneria di porto applica la sanzione di cui al comma precedente e provvede allaconfisca delle cose, strumenti ed attrezzi attraverso i quali si sia commessa laviolazione.
Il violatore è tenuto altresì alla restituzione di quanto comunque asportato dallariserva.

Art. 31 - Aree di riserve marine

Nellaprima applicazione della presente legge, l'accertamento di cui al secondo commadell'articolo 26, ha luogo con riferimento alle seguenti aree:
1) Golfo di Portofino;
2) Cinque Terre;
3) Secche della Meloria;
4) Arcipelago Toscano;
5) Isole Pontine;
6) Isola di Ustica;
7) Isole Eolie;
8) Isole Egadi;
9) Isole Ciclopi;
10) Porto Cesareo;
11) Torre Guaceto;
12) Isole Tremiti;
13) Golfo di Trieste;
14) Tavolara, Punta Coda Cavallo;
15) Golfo di Orosei, Capo Monte Santu;
16) Capo Caccia, Isola Piana;
17) Isole Pelagie;
18) Punta Campanella;
19) Capo Rizzuto;
20) Penisola del Sinis, Isola di Mal di Ventre.

Art. 32 -

Perl'onere derivante dall'attuazione degli articoli 26 e 28 è autorizzata, per il periodo1982 1985, la spesa complessiva di lire 3.000 milioni, da iscrivere nello stato diprevisione della spesa del Ministero della marina mercantile secondo quote che sarannodeterminate in sede di legge finanziaria di cui all'art. 11 della legge 5 agosto 1978, n.468.
La quota relativa all'anno 1982 è determinata in lire 500 milioni.

Art. 33

Inrelazione all'ampliamento delle acque territoriali previsto dalla legge 14 agosto 1974, n.359, ed alla fissazione delle linee di base del mare territoriale, disposta con il decretodel Presidente della Repubblica 26 aprile 1977, n. 816, nonché all'esercizio dellagiurisdizione dello Stato italiano al di là del limite esterno del mare territoriale,secondo i principi del diritto internazionale, la fissazione dei limiti dellecircoscrizioni marittime di cui all'articolo 16 del codice della navigazione ha luogoanche sulle aree marine antistanti il litorale, secondo criteri che valgano ad assicurarela massima funzionalità ed efficienza agli uffici ad esse preposti.
A quanto previsto dal precedente comma si provvede a norma dell'articolo 1 del regolamentodi esecuzione del codice della navigazione marittima.

Art. 34 - Ispettorato centrale per la difesadel mare

Perlo svolgimento dei compiti e delle attribuzioni di cui alla presente legge è istituitopresso il Ministero della marina mercantile un Ispettorato centrale per la difesa delmare.
Tale Ispettorato ha compiti ispettivi e di intervento, alle dirette dipendenze delMinistro della marina mercantile, nonché di coordinamento a livello nazionale e localedei servizi indicati all'articolo 2; esso adempie inoltre a tutte le altre competenze inatto attribuite al Ministero della marina mercantile in materia di inquinamento e difesadel mare.
Nei compartimenti marittimi in cui hanno sede i centri operativi di cui all'articolo 3sono istituite sezioni tecniche per lo svolgimento in sede locale dei compiti attribuitiall'Ispettorato; tali sezioni operano nell'ambito dei compartimenti marittimi e sono alledirette dipendenze dei capi compartimento.
L'Ispettorato è articolato in due divisioni; ad esso è preposto un dirigente generaledei ruoli dell'amministrazione della marina mercantile; alle due divisioni sono prepostiprimi dirigenti dei ruoli dell'amministrazione stessa.
Alle sezioni tecniche locali sono preposti ispettori in possesso di laurea con qualificatecnica dell'VIII qualifica funzionale di cui all'articolo 2 della legge 11 luglio 1980,n. 312.
In relazione a quanto previsto dai precedenti commi, la tabella XVII di cui al decreto delPresidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 748, è sostituita dalla tabella B allegataalla presente legge; inoltre i ruoli organici del Ministero della marina mercantile sonoincrementati di 14 unità nell'VIII livello delle qualifiche funzionali di cui alla legge11 luglio 1980, n. 312, 58 unità nel VII livello, 42 unità nel VI livello, 25 unità nelV livello, 296 unità nel IV livello, 89 unità nel III livello e 66 unità nel IIlivello.
Per tutto quanto attiene alle esigenze della protezione civile, l'Ispettorato centrale perla difesa del mare assume le funzioni di componente del servizio nazionale dellaprotezione civile.
I profili professionali di tali qualifiche saranno determinati ai sensi dell'articolo 3della legge 11 luglio 1980, n. 312; in tale sede si terrà conto anche delle necessità diformazione degli equipaggi dei mezzi disinquinanti, nonché di copertura delle sedi delledelegazioni di spiaggia attualmente vacanti.
L'aumento di organico di cui al presente articolo ha luogo gradualmente nell'arco diquattro anni a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge.
Entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge il Ministro della marinamercantile provvederà, con proprio decreto, ad emanare, in attesa degli adempimenti dicui alla legge 11 luglio 1980, n. 312, le norme regolamentari per il funzionamento degliuffici centrali e periferici dell'amministrazione della marina mercantile, stabilendoaltresì, nell'ambito delle dotazioni organiche complessive dell'amministrazione medesima,le piante organiche dei suddetti uffici.
Alla copertura dei nuovi posti si provvederà con l'utilizzazione del personaledisponibile degli enti pubblici disciolti in possesso di adeguate competenzeprofessionali; in carenza di detto personale verranno banditi pubblici concorsicircoscrizionali, applicando l'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 28dicembre 1970, n. 1077.

Art. 35

Ilruolo tecnico della carriera direttiva del Ministero della marina mercantile di cui alquadro B annesso alla legge 7 dicembre 1960, n. 1541, è sostituito dal ruolo organico dicui al quadro C allegato alla presente legge.
La nomina in prova alla qualifica di ispettore della VII qualifica funzionale di cuiall'articolo 2 della legge 11 luglio 1980, n. 312, del ruolo di cui al precedente comma,si consegue mediante pubblico concorso per titoli integrato da colloquio, al quale possonopartecipare coloro che posseggono i prescritti requisiti per accedere agli impieghi civilidello Stato e siano muniti di laurea in ingegneria navale o meccanica.
La nomina in prova alla qualifica di ispettore capo aggiunto, della VIII qualificafunzionale di cui all'articolo 2 della legge 11 luglio 1980, n. 312, del ruolo di cui alprecedente primo comma, si consegue mediante pubblico concorso per titoli integrato dacolloquio, al quale possono partecipare coloro che, in aggiunta ai requisiti previsti dalprimo comma, abbiano svolto attività professionale per un periodo di almeno due anni.
Le categorie di titoli valutabili e l'oggetto del colloquio sono stabiliti nel bando diconcorso.

Art. 36

Pressoil Ministero della marina mercantile è istituito il ruolo tecnico della carriera diconcetto con la consistenza organica di cui al quadro C allegato alla presente legge.
La nomina in prova alla qualifica di perito della VI qualifica funzionale, di cuiall'articolo 2 della legge 11 luglio 1980, n. 312, del ruolo di cui al precedente comma,si consegue mediante pubblico concorso per esami al quale possono partecipare coloro cheposseggono i prescritti requisiti per accedere agli impieghi civili dello Stato e sianomuniti di diploma di istituto tecnico nautico, di istituto tecnico industriale, diistituto tecnico per geometri, di liceo scientifico o di diplomi equipollenti.

Art. 37

Inattesa del potenziamento degli organici del personale militare delle Capitanerie di porto,da attuare in sede di esame globale delle esigenze delle Capitanerie medesime, laconsistenza organica del personale militare nelle Capitanerie di porto, per sopperire alleimmediate esigenze di cui alla presente legge, è aumentata di 102 ufficiali del ruolonormale delle Capitanerie di porto e 234 sottufficiali nocchieri di porto, da realizzarenell'arco di 4 anni a partire dal 1982.
Per realizzare tale incremento:
a) il quadro XI ruolo normale del Corpo delle Capitanerie diporto della tabella n. 2 annessa alla legge 12 novembre 1955, n. 1137, e successivemodificazioni, è sostituito da quello riportato in allegato alla presente legge (allegatoD);
b) i numeri massimi dei contrammiragli e dei capitani divascello previsti dall'articolo 3 della legge 10 dicembre 1973, n. 804, sono aumentatirispettivamente di 2 unità e di 20 unità.
Le predette aliquote in aumento sono riservate agli ufficiali di detti gradi appartenential ruolo normale del Corpo delle Capitanerie di porto;
c) fino alla completa copertura dei posti di organico deigradi rispettivamente superiori stabiliti dal quadro XI, così come sostituito dal quadroD allegato alla presente legge, i capitani di corvetta e i sottotenenti di vascello nonpossono essere promossi al grado superiore se non abbiano compiuto nel grado rivestito unapermanenza minima di 4 anni;
d) il numero dei posti da mettere annualmente a concorso perla nomina ad ufficiale in servizio permanente del ruolo normale del Corpo delleCapitanerie di porto non può superare un dodicesimo dell'organico complessivo degliufficiali inferiori quale risulta dal quadro XI, così come sostituito dal quadro Dallegato alla presente legge;
e) il numero globale dei capi di prima, seconda e terza classee dei secondi capi della marina militare, quale risulta dall'applicazione dell'articolo 18della legge 10 giugno 1964, n. 447, è aumentato di 234 unità; l'aumento è riservato aisottufficiali dei predetti gradi appartenenti alla categoria nocchieri di porto.

Art. 38

L'onerederivante dall'attuazione degli articoli 34 e 37 è valutato per l'anno 1982 in lire 2.000milioni.
All'onere derivante dall'attuazione degli articoli 35 e 36, valutato in lire 550 milioniin ragione d'anno, si provvede per l'anno finanziario 1982 mediante riduzione dellostanziamento iscritto al capitolo 6856 dello stato di previsione della spesa del Ministerodel tesoro per l'anno finanziario medesimo.

Art. 39

Entrosei mesi dall'entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro dellamarina mercantile, di concerto con i Ministri dei lavori pubblici e del tesoro, èapprovato il programma quadriennale di potenziamento delle infrastrutture logistiche edoperative delle Capitanerie di porto e degli altri uffici periferici della marinamercantile al fine di adeguarli ai nuovi compiti previsti dalla presente legge, nonchéalle nuove dotazioni di personale.
Il Ministro della marina mercantile si avvale, per la realizzazione del suddettoprogramma, delle procedure di cui all'articolo 7 della legge 23 gennaio 1974, n. 15.

Art. 40

All'oneredi lire 32.000 milioni, derivante dall'applicazione della presente legge per l'anno 1982,si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto al capitolo 9001dello stato di previsione del Ministero del tesoro per l'anno finanziario medesimo allavoce "Difesa del mare dagli inquinamenti, riassetto del servizio di soccorso in maree vigilanza sulle attività economiche sottoposte alla giurisdizione italiana".
Il Ministro del tesoro è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrentivariazioni di bilancio.

TITOLO VII
Disposizioni transitorie e finali

Art. 41 - Concessioni marine

Finoall'approvazione degli elenchi previsti dall'articolo 59, secondo comma, del decreto delPresidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, le concessioni di cui l'autoritàmarittima disporrà il rinnovo o il rilascio, riguarderanno, quando l'utilizzazioneprevista risponda a finalità turistiche e ricreative, periodi di tempo non superioriall'anno.
Qualora, per la natura delle iniziative rispondenti ad obiettive esigenze di interessepubblico, il rapporto concessorio debba avere maggiore durata, l'autorità marittimaprocederà sentita la Regione territorialmente interessata

Art. 42

Allaricomposizione della Consulta per la difesa del mare dagli inquinamenti, di cuiall'articolo 1, ed alle modifiche della sua composizione che si siano rese necessarie inbase alla normativa prevista dalla presente legge, si provvede con decreto del Presidentedel Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della marina mercantile.
Ai componenti della Consulta ed all'ufficio di segreteria nonché agli esperti aggregatispetta, per l'opera svolta, un compenso la cui misura è stabilita con decreto delMinistro della marina mercantile di concerto con il Ministro del tesoro.

Art. 43 (14)

Sostanze nociveall'ambiente marino di cui è vietato lo scarico da parte del naviglio mercantile nel mareterritoriale italiano


- Acetaldeide,
- Acetato di amile normale,
- Acetato di butile normale,
- Acetato di butile secondario,
- Acetato di 2-etossietile,
- Acetato di etile,
- Acetato di isoamile,
- Acetato di metile,
- Acetato di propile normale,
- Acetato di vinile,
- Acetilato di butile normale,
- Acetone,
- Acido acetico,
- Acido acrilico,
- Acido butirrico,
- Acido citrico (10 per cento-25 per cento),
- Acido cloracetico,
- Acido cloridrico,
- Acido clorosolfonico,
- Acido cresilico,
- Acido eptanoico,
- Acido fluoridrico (soluzione al 40 per cento),
- Acido formico,
- Acido fosforico,
- Acido lattico,
- Acidi naftenici,
- Acido nitrico (90 per cento),
- Acido ossalico (10 per cento-25 per cento),
- Acido propionico,
- Acido solforico,
- Acido solforico fumante (oleum),
- Acqua ossigenata (concentrazione superiore al 60 per cento),
- Acrilato di etile,
- Acrilato di 2-etilesile,
- Acrilato di isobutile,
- Acrilato di metile,
- Acrilonitrile,
- Acroleina,
- Adiponitrile,
- Alchilbenzenesolfonato (catena lineare) (catena ramificata),
- Alcol allilico,
- Alcol amilico normale,
- Alcol benzilico,
- Alcol 2-etilesilico,
- Alcol furfurilico,
- Alcol metilamilico,
- Acetoncianidrina,
- Alcol monilico,
- Alcol propilico normale,
- Aldeide butirrica normale,
- Aldeide crotonica,
- Allume (soluzione al 15 per cento),
- Amminoetiletanolamina (idrossietiletilendiammina),
- Ammoniaca (soluzione al 28 per cento),
- Anidride acetica,
- Anidride ftalica (liquefatta),
- Anidride propionica,
- Anilina,
- Benzene,
- Bicromato di sodio (soluzione),
- Bisolfuro di carbonio,
- Butilene glicolo,
- Butirrato di butile,
- Cicloesano,
- Cicloesanolo,
- Cicloesanone,
- Cicloesilammina,
- Cimene (parametilisopropilbenzene),
- Cloridrine (grezze),
- Clorobenzene (monocloro benzene),
- Cloroformio,
- Cloroprene,
-Para-clorotoluene,
- Cloruro d'acetile,
- Cloruro d'allile,
- Cloruro di benzile,
- Cloruro di metilene,
- Cloruro di vinilidene,
- Cresoli,
- Creosoto,
- Cumene,
- Decaidronaftalene,
- Decano,
- Diacetonalcole,
- Dibromo etilene,
- Diclorobenzene,
- Dicloroetilene (o bicloroetilene),
- Dicloropropene e Dicloropropano (miscela di D.D. per disinfezione di terreni),
- Dietilammina,
- Dietilbenzene (miscela di isomeri),
- Dietilchetone (3 pentanone),
- Dietilene glicol etere rnonoetilico,
- Dietilene triammina,
- Difenile e difeniletere,
- Diisobutil chetone,
- Diisobutilene,
- Diisocianato di toluilene,
- Diisopropanolamina,
- Diisopropilammina,
- Dimetilammina (soluzione acquosa al 40%),
- Dimetiletanolamina (2 dimetiletanoetanol),
- Dimetilformaldeide,
- 1,4 Diossano,
- Dodecilbenzene,
- Epicloridrina,
- Esametildiamina,
- Etere benzilico,
- Etere dicloroetilico,
- Etere etilico,
- Etere isopropilico,
- Etere monoetilico dell'etilen glicol (2 etossietanolo),- Etilamilchetono,
- Etilbenzene,
- Etilcicloesano,
- 2-etil-3 propilacroleina,
- Etilendiammina,
- Etilencianidrina,
- Fenolo,
- Formaldeide (soluzione al 37 per cento-50%),
- Fosfato di tricresile,
- Fosforo (elementare),
- Tetraidronaftalina,
- Idrossido di calcio (soluzione),
- Idrossido di sodio,
- Isobutanolo (alcol isobutilico),
- Isobutiraldeide,
- Isoforone,
- Isopentano,
- Isoprene,
- Isopropanolammina,
- Isopropilammina,
- Isopril cicloesano,
- Isottano,
- Lattato di etile,
- Metacrilato di butile,
- Metacrilato di isobutile,
- Metacrilato di metile,
- 2-metil 5 piridina,
- 2-metil pentene,
- Metilstirene-alfa,
- Monocloridrina di etilene (2-cloretanolo),
- Monoetanolamina,
- Monoisopropilamina,
- Monometiletanolammina,
- Monopropilarmmina (propilamina) Morfolina,
- Naftalene (liquefatta),
- Nitrobenzene,
- 2-nitropropano,
- Nitrotoluene (ortonotrotoluene) Nonilfenolo,
- Olio di canfora,
- Ossido di mesitile,
- Ottanolo normale,
- Pentacloretano,
- Pentaclorofenato di sodio (soluzione),
- Pentano normale,
- Piombo tetraetile,
- Piombo tetrametile,
- Piridina,
- Potassa caustica (idrossido di potassio),
- Betapropiolattone,
- Propionaldeide,
- Sego,
- Stirene,
- Tetracloretilene (percloretilene),
- Tetracloruro di carbonio,
- Tetracloruro di silicio,
- Tetracloruro di titanio,
- Tetraidrofurano,
- Tetrametilbenzene,
- Toluene,
- Trementina,
- Tricloroetano,
- Tricloretilene,
- Tritanolammina,
- Trietilamina,
- Trimetilbenzene,
- Xilene (miscele di isomeri).

ALLEGATO II (16)

ALLEGATO III (17)

ALLEGATO IV (18)

(1)Vedi anche, l'art. 7 della legge 22 dicembre 1986, n. 910.

(2)Le funzioni del Ministero della Marina mercantile in materia di tutela dell'ambientemarino sono state trasferite al Ministero dell'ambiente dall'art. 1 della legge 24dicembre 1993, n. 537.

(3)Con D.M. 20 maggio 1983 (G.U. 7 ottobre 1983, n. 285) sono state determinate lecaratteristiche tecnico operative delle unità navali da adibire al servizio di vigilanzadi cui all'art. 2, lettera c), della presente legge.

(4)Il D.M. 4 marzo 1983 (G.U. 27 aprile 1983, n. 113) ha così disposto: "I centrioperativi previsti dall'art. 3 della legge 31 dicembre 1982, n. 979, hanno sede presso iseguenti compartimenti marittimi:
1) per il Mar Ligure a l'Alto Tirreno, compartimento marittimodi Genova;
2) per il Medio e Basso Tirreno, compartimento marittimo diNapoli;
3) per le acque della Sardegna, compartimento marittimo diCagliari;
4) per le acque della Sicilia, compartimento marittimo diCatania;
5) per le acque dello Ionio e del Basso Adriatico,compartimento marittimo di Bari;
6) per le acque dell'Alto e del Medio Adriatico, compartimentomarittimo di Ravenna".
Con D.M. 27 novembre 1986 (G.U. 20 febbraio 1987, n. 42) sono state emanate norme perl'organizzazione, localizzazione e delimitazione delle aree di giurisdizione marittima deicentri operativi periferici istituiti con la legge 31 dicembre 1982, n. 979.

(5)Le parole "o il noleggio" sono state inserite dall'art. 5 della legge 8 ottobre1997, n. 344.

(6)Comma abrogato dall'art. 5 della legge 8 ottobre 1997, n. 344.

(7)Vedi, anche, l'art. 14 della legge 28 febbraio 1986, n. 41.

(8)Vedi il D.M. 6 luglio 1983.

(9)Sostituisce con tre commi i commi quarto e quinto dell'art. 14 della legge 24 dicembre1979, n. 650.

(10)Lettera aggiunta dall'art. 2 della legge 8 luglio 1986, n. 349.

(11)Comma così sostituito dall'art. 349.

(12)Comma così sostituito dall'art. 349.

(13)Abrogato dall'art. 349.

(14)Aggiunge il n. 5-bis all'art. 2 del D.C.P.S. 15 settembre 1947, n. 1177.

(15) Vedi, anche, il D.M. 6 luglio 1983.

(16)Sostituisce la tab. XVII di cui al D.P.R. 30 giugno 1972, n. 748.

(17)Sostituisce il quadro B annesso alla legge 7 dicembre 1960, n. 1541.

(18)Sostituisce il quadro XI, ruolo normale del Corpo delle Capitanerie di porto, dellatabella n. 1137.

25.Le riserve naturali marine sono costituite da ambienti marini, dati dalle acque, daifondali e dai tratti di costa prospicienti che presentano un rilevante interesse per lecaratteristiche naturali, geomorfologiche, fisiche, biochimiche con particolare riguardoalla flora e alla fauna marine e costiere e per l’importanza scientifica, ecologica,culturale, educativa ed economica che rivestono.

26.Sulla base delle indicazioni contenute nel piano di cui all’articolo 1 ed inconformità agli indirizzi della politica nazionale di protezione dell’ambiente, leriserve marine sono istituite con decreto del Ministro della marina mercantile su conformeparere del Consiglio nazionale per la protezione dell’ambiente naturale –sezione protezione dell’ambiente per la difesa del mare dagli inquinamenti, sentitele regioni e i comuni territorialmente interessati.

Aifini della Proposta di cui al comma precedente, la Consulta per la difesa del mare dagliinquinamenti, previa individuazione delle aree marine per e quali appare opportunol’assoggettamento a protezione, accerta:

  1. lasituazione naturale dei luoghi e la superficie da proteggersi;

  2. ifini scientifici, ecologici, culturali, educativi, minerari ed economici con cui vacoordinata la protezione dell’area;

  3. iprogrammi eventuali di studio e ricerca nonché la valorizzazione dell’area;

  4. iriflessi della protezione nei rapporti con la navigazione marittima e le attività disfruttamento economico del mare e del demanio marittimo;

  5. glieffetti che prevedibilmente deriveranno dalla istituzione della riserva marinasull’ambiente naturale marino e costiero nonché sull’assetto economico esociale del territorio e delle popolazioni interessate;

  6. ilpiano dei vincoli e delle misure di protezione e valorizzazione ritenuti necessari perl’attuazione delle finalità della riserva marina.

LaConsulta per la difesa del mare dagli inquinamenti può avvalersi, ai finidell’accertamento, di istituti scientifici, laboratori ed enti di ricerca. In ognicaso è richiesto il parere dell’Istituto Centrale per la Ricerca scientifica etecnologica applicata alla pesca marittima di cui all’articolo 8 della legge 17febbraio 1982, n. 41 (9).

Aifini dell’esercizio delle competenze di cui al presente titolo, la Consulta per ladifesa del mare dagli inquinamenti è integrata da tre rappresentanti delle associazioninaturalistiche maggiormente rappresentative nel settore della tutela dell’ambientemarino, da tre esperti nella stessa materia, nonché da membri del consiglio diamministrazione dell’Istituto di cui al precedente comma, designati dal consigliomedesimo.

27.Nelle riserve naturali marine, ogni attività può essere regolamentata attraverso laprevisione di divieti e limitazioni o sottoposta a particolari autorizzazioni in funzionedelle finalità per la cui realizzazione la riserva è stata istituita.

Inparticolare possono essere vietate o limitate:

  1. l’asportazioneanche parziale e i danneggiamento delle formazioni minerali;

  2. lanavigazione, l’accesso e la sosta, con navi e natanti di qualsiasi genere e tipo,nonché la balneazione;

  3. lapesca sia professionale che sportiva con qualunque mezzo esercitata;

  4. lacaccia, la cattura, la raccolta, il danneggiamento, e in genere qualunque attività chepossa costituire pericolo o turbamento delle specie animali o vegetali, ivi compresa laimmissione di specie estranee;

  5. l’alterazionecon qualsiasi mezzo, diretta o indiretta, dell’ambiente geofisico e dellecaratteristiche biochimiche dell’acqua, nonché la discarica di rifiuti solidi oliquidi e in genere l’immissione di qualsiasi sostanza che possa modificare, anchetransitoriamente, le caratteristiche dell’ambiente marino;

  6. l’introduzionedi armi ed esplosivi e di qualsiasi mezzo distruttivo o di cattura nonché di sostanzetossiche o inquinanti;

  7. leattività che possono comunque arrecare danno , intralcio o turbativa alla realizzazionedei programmi di studio e di ricerca scientifica da attuarsi sull’area.

Ildecreto di istituzione della riserva prevede:

  1. ladeterminazione delle aree marittime e di demanio marittimo costituenti la superficie dellariserva;

  2. lefinalità di carattere scientifico, culturale, economico ed educativo per la cuirealizzazione è istituita l’area protetta;

  3. iprogrammi di studio e di ricerca scientifica nonché la valorizzazione da attuarsinell’ambito della riserva;

  4. laregolamentazione della riserva con la specificazione delle attività oggetto di divieto odi particolari limitazioni o autorizzazioni.

Nell’ambitoterritoriale della riserva marina possono essere disposti dal Ministro della marinamercantile programmi di intervento per il ripopolamento ittico, o per la salvaguardiaecologica.

Qualorala riserva marina confini con il territorio di un parco nazionale o di una riservanaturale dello Stato, il decreto di costituzione, adottato di concerto con il Ministrodell’agricoltura e delle foreste, regola il coordinamento fra la gestione dellariserva marina e quella del parco nazionale o della riserva naturale dello Stato.

Ovela fascia costiera demaniale costituisca parte integrante dell’eco-sistema terrestree non vi siano prevalenti ragioni di tutela dell’ambiente marino rispetto ai finiconnessi alla tutela territoriale, la gestione della fascia costiera demaniale, èaffidata all'ente di gestione del parco o della riserva naturale che, per le relativeattività di vigilanza, si avvale delle Capitanerie di porto.

28.In attuazione dei principi di cui agli articoli 1 e 26 il Ministro della marinamercantile promuove e coordina tutte le attività dei protezione, tutela, ricerca evalorizzazione del mare e delle sue risorse ed assicura il raggiungimento delle finalitàistitutive di ciascuna riserva attraverso l’Ispettorato centrale per la difesa delmare, di cui all’articolo 34.

Perla vigilanza e l’eventuale gestione delle riserve marine, l’Ispettorato centralesi avvale delle competenti Capitanerie di porto

Pressoogni Capitaneria competente è istituita una commissione di riserva, nominata con decretodel Ministro della marina mercantile e così composta:

  1. ilcomandante di porto che a presiede;

  2. duerappresentanti dei comuni rivieraschi designati dai comuni medesimi;

  3. unrappresentante delle regioni territorialmente interessate;

  4. unrappresentante delle categorie economico-produttive interessate designato dalla camera dicommercio per ciascuna delle province nei cui confini è stata istituita la riserva;

  5. dueesperti designati dal Ministro della marina mercantile in relazione alle particolarifinalità per cui è stata istituita la riserva;

  6. unrappresentante delle associazioni naturalistiche maggiormente rappresentative scelto dalMinistro della marina mercantile fra una terna di nomi designati dai comuni medesimi;

  7. unrappresentante del provveditorato agli studi;

  8. unrappresentante dell’amministrazione per i beni culturali ed ambientali;

  9. unrappresentante del Ministero dell’ambiente;

Conapposita convenzione da stipularsi da parte del Ministro dell’ambiente, di concertocon il Ministro della marina mercantile, la gestione della riserva può essere concessa adenti pubblici, istituzioni scientifiche, associazioni riconosciute.

Lacommissione affianca la Capitaneria e l’ente delegato nella gestione della riserva,formulando proposte e suggerimenti per tutto quanto attiene al funzionamento della riservamedesima.

Inparticolare la commissione dà il proprio parere alla proposta del regolamento diesecuzione del decreto istitutivo e di organizzazione della riserva, ivi comprese leprevisioni relative alle spese di gestione, formulata dalla Capitaneria o dall’entedelegato.

Ilregolamento è approvato con decreto del Ministro dell’ambiente, di concerto con iMinistro dell’ambiente, di concerto con il Ministro della marina mercantile, sentitala Consulta per la difesa del mare dagli inquinamenti.

29.Presso il Ministero della marina mercantile è istituita la sezione del Consiglionazionale per la protezione dell’ambiente avente specifica competenza per tutte lequestioni relative alla tutela e alla protezione dell’ambiente marino.

Lasezione è composta da 13 membri scelti fra persone di particolare qualificazione ecompetenza nella materia della tutela e protezione dell’ambiente marino, di cui:

  1. cinquein rappresentanza dei Ministeri della marina mercantile, dei beni culturali ed ambientali,dell’agricoltura e foreste, del turismo e spettacolo, della ricerca scientifica,designati dai rispettivi Ministri;

  2. duein rappresentanza delle regioni designati dalla Commissione di cui all’articolo 13della legge 16 maggio 1970, n. 281;

  3. duein rappresentanza dei comuni rivieraschi, scelti dal Presidente del Consiglio su rose dinomi formate dalle associazioni di enti locali maggiormente rappresentative in camponazionale;

  4. duein rappresentanza degli enti ed organizzazioni operanti nel campo della difesa dellanatura e dell’ambiente maggiormente rappresentativi in campo nazionale, scelti dalPresidente del Consiglio su rose di nomi formate dagli enti e dalle associazioni medesime;

  5. duedocenti di discipline attinenti alla tutela dell’ambiente marino scelti dalPresidente del Consiglio.

Incaso di mancata designazione di membri entro un mese dalla richiesta, il Consiglionazionale è convocato e delibera con i membri già designati, purché di numero noninferiore alla metà più uno dei propri componenti.

Lasezione è nominata con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta delPresidente del Consiglio, e dura in carica cinque anni. I membri nominati nel corso delquinquennio in sostituzione di altri durano in carica fino alla scadenza del mandato deisostituiti.

Lasezione è presieduta dal Ministro della marina mercantile o da un suo delegato.

30.Per violazione dei divieti o dei vincoli contenuti nel decreto di costituzione dellariserva si applica, salvo che i fatto costituisca reato, la sanzione amministrazione dalire 200.000 a lire 5 milioni

LaCapitaneria di porto applica la sanzione di cui al comma precedente e provvede allaconfisca delle cose, strumenti ed attrezzi attraverso i quali si sia commessa laviolazione.

Ilviolatore è tenuto altresì alla restituzione dei quanto comunque asportato dallariserva.

31.Nella prima applicazione della presente legge, l’accertamento di cui al secondocomma dell’articolo 26, ha luogo con riferimento alla seguenti aree:

1)Golfo di Portofino;
2) Cinque Terre;
3) Secche della Meloria;
4) Arcipelago Toscano;
5) Isole Pontine;
6) Isola di Ustica;
7) Isole Eolie;
8) Isole Egadi;
9) Isole Ciclopi;
10) Porto Cesareo;
11) Torre Guaceto;
12) Isole Tremiti;
13) Golfo di Trieste;
14) Tavolara, Punta Coda Cavallo;
15) Golfo di Orosei, Capo Monte Santu;
16) Capo Caccia, Isola Piana;
17) Isole Pelagie;
18) Punta Campanella;
19) Capo Rizzuto;
20) Penisola del Sinis, Isola di Mal di Ventre.

32.Per l’onere derivante dall’attuazione degli articoli 26 e 28 è autorizzata,per il periodo 1982-1985, la spesa complessiva di lire 3.000 milioni, da iscrivere nellostato di previsione della spesa del Ministero della marina mercantile secondo le quote chesaranno determinate in sede di legge finanziaria di cui all’art. 11 della legge 5agosto 1978, n. 468.

Laquota relativa all’anno 1982 è determinata in lire 500 milioni.

Si precisa che la pubblicazione di questo testo di legge non e' ufficiale e non e' coperto dai diritti d'autore ai sensi dell'art. 5 della Legge 22/04/1941 n. 633 e successive modifiche ed integrazioni. Il copyright si riferisce alla elaborazione e alla forma di presentazione dei testi stessi.


Video: Wham Drunk! On the Tv show Whatever you Want-31st December 1982


Previous Article

Plant a pomegranate branch

Next Article

Calculating Plants Per Square Foot: Number Of Plants Per Square Foot Guide